Le barzellette aiutano l’integrazione europea

smiley-1104085_960_720Fra quelli lassù in Regno Unito che vogliono andarsene dall’Ue, e prima la crisi dei migranti e gli Stati che chiudevano le frontiere, e prima ancora la crisi dell’euro, l’Europa non fa ridere per niente. Si ride solo per prendere in giro l’inefficienza dell’Unione europea. C’è però un giovane european, Romain Seignovert, che ha raccolto in un libro, dal titolo “De Qui Se Moque-t-On?” (Chi prendiamo in giro?), tutte le barzellette che i popoli europei dicono gli uni degli altri. Seignovert ha 29 anni, è nato in Francia, ha studiato in Spagna e Germania ed è autore di un blog amico di Europeans “Europe is not dead“. Un articolo del Guardian riporta alcune di queste ironie:

I portoghesi pensano che gli spagnoli se la tirino un po’ e dicono: “In un recente sondaggio, 11 spagnoli su 10 hanno detto di sentirsi superiori agli altri”

Gli estoni invece credono che i finlandesi siano timidi e si chiedono: “Come riconosci un finlandese estroverso? Quando gli parli guarda le tue scarpe, non le sue”

Secondo i belgi, gli olandesi sono tirchi come in questa barzelletta. “Il marito olandese alla moglie olandese: mettiti il cappotto, cara! Perché, tesoro, usciamo? No, io sto uscendo, quindi spengo il riscaldamento in casa”

I romeni sugli ungheresi vanno giù pesante. “Ho fatto tutti i controlli e il dottore dice che non ci sono dubbi. Sono xenofobo. Un’altra maledetta malattia che mi hanno attaccato gli ungheresi”

Qui in Italia non abbiamo barzellette sugli altri Paesi ma ci prendiamo in giro da soli, secondo l’autore. Ad esempio in questo modo: “Come si capisce che Gesù era italiano? Facile: solo un italiano resta in casa con i genitori fino a 30 anni, pensa che sua mamma sia vergine e, secondo la madre, è Dio”.

Il giovane Seignovert dice nel libro che ridere dei nostri vicini significa “riconoscere, persino celebrare le rispettive particolarità. Mostra che non siamo indifferenti l’uno verso l’altro”. Secondo lui, l’Europa non è solo una costruzione politica ed economica, ma anche culturale, di tutte queste nazioni che vivono insieme e l’Unione europea non ha fatto abbastanza per riconoscere questo.

Una delle critiche che vengono fatte a una possibile maggiore integrazione dell’Unione europea è che è impossibile superare le diversità nazionali. Ma come dice il nostro amico francese, l’obiettivo dell’Unione europea non è annientarle, ma valorizzarle. E magari riderci un po’ sopra.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...